news

Una candidata ambientalista, elezioni del Consorzio di Bonifica Basso Valdarno

Dal 2 al 6 aprile si terranno le elezioni dell’Assemblea del Consorzio di Bonifica Basso Valdarno, che dal 2014 ha assorbito i precedenti Consorzi “Val d’Era”, “Ufficio dei Fiumi e Fossi” e “Padule di Fucecchio”.

Legambiente e WWF promuovono, insieme alle principali associazioni di coltivatori, la lista “Territori”, grazie all’attenzione e alla sensibilità di Giacomo Sanavio, anche lui candidato, che ha proposto un programma di tutela e promozione delle risorse ambientali, culturali e sociali del vasto territorio amministrato dall’Ente.

Abbiamo candidato nella 1° fascia di contribuenza (titolari di cartelle fino a 69,30 euro) Tania Scardigli, attivista del circolo Legambiente Empoli, tecnico ambientale e esperta degli ecosistemi palustri. Invitiamo a votarla e farla votare: avere Tania in assemblea sarà una risorsa preziosa per realizzare gli aspetti ambientali del programma e per correggere alcune prassi discutibili dell’attività del Consorzio, prime fra tutti le modalità di taglio della vegetazione palustre.

CHI VOTA: gli intestatari/contribuenti iscritti a ruolo, cioè coloro che ricevono i bollettini di pagamento dei contributi di bonifica del Consorzio.

DOVE SI VOTA: nelle sedi individuate dai comuni, ma solo nel giorno indicato per quella sede, come da calendario allegato e consultabile al link http://www.bassovaldarno.it/2019/01/08/elezioni-consortili-2019/, orario 9-19

Ciascun elettore può votare in qualunque seggio, non necessariamente in quello del comune dove si trova il bene, però nei giorni indicati in calendario.

E’ poi possibile votare tutti i giorni dal 2 al 6 aprile compresi, sempre dalle 9 alle 19, nelle 3 sedi del Consorzio: Pisa via San Martino 60; Ponte Buggianese Via della Libertà 28; Ponte a Egola Via Curtatone e Montanara 69/c.

COME SI VOTA? Tracciando una croce accanto al nome del candidato prescelto: è possibile esprimere UNA SOLA PREFERENZA

COSA OCCORRE AVERE CON SE’? La Carta d’Identità.

I comuni del Consorzio Basso Valdarno sono questi; alcuni ci ricadono però solo parzialmente per cui la cosa più sicura è vedere di essere intestatari di una cartella. Altopascio (LU); Buggiano (PT); Calci (PI); Calcinaia (PI); Capannoli (PI); Capraia e Limite (FI); Casciana Terme (PI); Cascina (PI); Castelfranco di Sotto (PI); Cerreto Guidi (FI); Chianni (PI); Chiesina Uzzanese (PT); Collesalvetti (LI); Crespina (PI); Fauglia (PI); Fucecchio (FI); Gambassi Terme (FI); Lajatico (PI); Lamporecchio (PT); Larciano (PT); Lari (PI); Lorenzana (PI); Marliana (PT); Massa e Cozzile (PT); Monsummano Terme (PT); Montaione (FI); Montecarlo (LU); Montecatini Terme (PT); Montopoli in Val d' Arno (PI); Orciano Pisano (PI); Palaia (PI); Peccioli (PI); Pescia (PT); Pieve a Nievole (PT); Pisa (PI); Piteglio (PT); Ponsacco (PI); Ponte Buggianese (PT); Pontedera (PI); San Giuliano Terme (PI); San Miniato (PI); Santa Croce sull'Arno (PI); Santa Luce (PI); Santa Maria a Monte (PI); Terricciola (PI); Uzzano (PT); Vicopisano (PI); Villa Basilica (LU); Vinci (FI); Volterra (PI).

Global Strike for Future

 

 

 

AI REGIONALI

AI CIRCOLI

 

 

La data del 15 marzo è in arrivo, e sono sempre di più le piazze coinvolte dagli studenti. Il Global Strike for Future rappresenta una data importante per tutti i nostri giovani, soci e non soci. Per tutti quelli che in questi giorni si stanno impegnando perché credono in una battaglia come quella climatica che non è appartenuta certamente alle nuove generazioni, al di là dei numeri delle singole piazze. Per tutti quelli che, trovandosi per la prima volta ad organizzare un evento, si stanno rivolgendo ai nostri Circoli per essere supportati nelle informazioni, nelle procedure burocratiche, su come attivare uno sciopero e coinvolgere un preside.

Questo il ruolo migliore che possiamo avere in questo momento, un lavoro dietro le quinte, di aiuto e supporto, diffusione e racconto di quanto i giovani in Italia e nel Mondo stanno facendo su un tema difficile e complesso. E sulla quale sono sempre di più gli allarmi, le conseguenze e i disagi.

 

In alcune piazze siamo e saremo protagonisti visibili, perché alcuni coordinamenti hanno scelto la strada del “sì ai loghi”, molte altre hanno scelto la strada opposta. L’importante sarà esserci ed esserci stati, nel giorno in cui molti per la prima volta organizzano uno sciopero… sul clima, poi!

 

Ancora poche righe intanto, per ringraziare tutte e tutti fin da adesso per l’impegno e la partecipazione, ma anche darvi alcune informazioni in tema di comunicazione. Vogliamo infatti, a partire dai prossimi giorni, iniziare a raccontare perché sarà importante partecipare al Global Strike for Future, ma anche l’azione legambientina a sostegno dello sciopero.

Per questa ragione vi chiediamo di compilare questo breve format indicando le informazioni richieste, utili non solo a raccontare l'azione di sostegno di Legambiente al Global Strike ma anche a darci di strumenti per seguirvi sui social e diffondere le diverse azioni nei territori. 

UTILIZZO DEI TAG E DEGLI HASHTAG

 

Gli hashtag ufficiali dell'evento sono #ClimateStrike e #FridaysForFuture

 

Il giorno dello sciopero potete usare, ogni tanto, anche #15marzo

 

Taggate Legambiente e Fridays for Future Italia:

 

twitter -> @legambiente      @FridaysItaly

instagram -> @legambiente       @fridaysforfuture_italy

facebook -> @legambiente.onlus        @fridaysforfutureitaly

 

COMUNICAZIONE SOCIAL

Vi chiediamo di promuovere l'iniziativa sui vostri canali social, non solo annunciando l'evento, ma anche producendo brevi video in cui a parlare devono essere i giovani, che in massimo 20/30 secondi raccontano, anche con poche parole chiave, perché è importante mobilitarsi.

In alternativa, una foto con un cartello con gli hashtag ufficiali o una frase a effetto sul clima, accompagnata, nel testo del post o tweet, da una dichiarazione del giovane in questione.

I video possono essere girati anche nelle fase organizzative dell’evento, durante gli incontri e le riunioni. Al di là dei loghi, vi ricordiamo di mettere al centro i giovani, protagonisti di questa importante iniziativa.

 

IMPORTANTE

Per essere in regola con la privacy, vi chiediamo anche di far firmare alle persone immortalate la liberatoria per l'uso delle immagini, che dovete personalizzare con il logo, il nome e i dati del circolo nei campi evidenziati.

 

Ricordiamo anche di rispettare le regole che si è dato il coordinamento locale rispetto ai loghi. Nelle piazze “no logo” sarà importante rispettare tale regola. 

 

A questo link potrete trovare anche qualche materiale informativo.

A presto,

 

Giorgio Zampetti, Direttore generale Legambiente

 

Katiuscia Eroe, Responsabile energia

Riunione straordinaria

Pistoia, 04 gennaio 2019

 A tutti i soci del Circolo Legambiente di Pistoia

In seguito alla Riforma del Terzo settore, per cui si fanno necessarie modifiche formali all'Associazione e allo Statuto,

 si convocano

 in riunione ordinaria TUTTI i soci, nel giorno venerdì 18 gennaio ore 12,00 presso la sala conferenze della COOP Pistoia.

 Qualora non fosse raggiunto il numero legale per la validità della riunione, si convocano tutti i suddetti SOCI nel giorno sabato 19 gennaio alle ore 16,00 presso la medesima sala conferenze sopra citata.

All'ordine del giorno:

Revisione della forma e della amministrazione del Circolo in seguito alla Riforma del Terzo settore

Presentazione dei progetti in corso

 Vista l'importanza dell'argomento si auspica al raggiungimento del maggior numero di soci presenti alla riunione.

Cordiali saluti,

Antonio Sessa Presidente Circolo

#fridaysforfuture

 

 

 

Partecipazione e supporto al movimento internazionale dei giovani studenti per il Clima

AI REGIONALI

AI CIRCOLI

Oggi la sfida del Clima è la più ampia, globale e importante che abbiamo davanti. Servono strategie coordinate tra i diversi Paesi per rispettare gli impegni presi, a partire dall’Accordo di Parigi, e per mettere in campo politiche adeguate allo scenario che il cambiamento climatico ci impone già oggi.

E perché i Governi si attivino serviamo noi, con una spinta sempre più pressante e incisiva dal basso.

 

Diverse sono le azioni messe in campo in questi anni dalla nostra associazione e altre ne svilupperemo nei prossimi mesi, sulle quali avrete presto aggiornamenti.

 

Da soli non si può, ed è quindi importante intercettare, unirci e contribuire alla nascita di un movimento il più ampio e trasversale possibile che porti sempre più persone a chiedere ai Governi un impegno serio e tangibile.

 

In particolare vi scriviamo alla luce delle iniziative organizzate nell'ambito del movimento #fridaysforfuture, nati dalla protesta/sciopero di Greta a Stoccolma in occasione della COP24 e che in queste settimane sta prendendo sempre più piede in tantissime piazze del mondo, anche italiane. 

Il sito internazionale 

 

La piattaforma italianaGli eventi dei #fridaysforfuture sono manifestazioni ed eventi no logo, organizzati in maniera trasversale e dal basso, che vedono come protagonisti gli studenti delle scuole superiori, ma coinvolgono anche quelli delle scuole medie, fino ai più piccoli.

 

Anche nei nostri circoli è quindi importante che in prima linea ci siano loro. Dobbiamo coinvolgere i soci più giovani, invitandoli a entrare in rete con gli altri studenti delle scuole e delle università che frequentano e aderendo alle iniziative che già ci sono o lavorando per farle partire.

 

 

Anche come circoli è importante intercettare questo movimento, confrontandoci con chi lo sta portando avanti, mettendo a disposizione la nostra azione associativa e la nostra esperienza. Alcuni già lo stanno facendo, come il circolo di Pisa o Legambiente Lazio con alcune iniziative a cui hanno partecipato o che hanno promosso direttamente in coordinamento con gli studenti di #fridaysforfuture.

 

Vi invitiamo quindi a chiamare a raccolta fin da subito tutti i giovani legambientini e invitarli a mettersi in rete con i referenti locali laddove le iniziative sono già partite (vedi Roma, Pisa, Bari, Bergamo e altre città) ma, anche laddove non si è mosso nulla, a mettersi in contatto con gli studenti per farle partire.

Importante! Tutte le iniziative di queste settimane confluiranno in una grande sciopero previsto per il prossimo 15 marzo, il GLOBAL STRIKE FOR FUTURE, evento a cui vi invitiamo fin da subito ad aderire e partecipare in modo da essere in tanti e ben visibili. 

 

Firma l'appello 

Chiudiamo chiedendovi di comunicare via mail a Katiuscia (k.eroe@legambiente.it – cell. 3480074830) le azioni che metterete in campo su questo fronte, eventuali adesioni di piazza e cosa state facendo in vista del prossimo 15 marzo. Per qualsiasi informazione, dubbio o confronto non esitate a chiamarci.

 

A presto,

 

Giorgio Zampetti, Direttore generale Legambiente

 

Katiuscia Eroe, Responsabile energia

Comunicato Stampa - Il Sindaco di Fucecchio Spinelli portavoce delle doppiette

Firenze, 4 gennaio 2019                                                                              

Comunicato Stampa

  

IL SINDACO DI FUCECCHIO PORTAVOCE DELLE DOPPIETTE!

Il Sindaco di Fucecchio che fa un appello contro un’ordinanza del Consiglio di Stato che riduce il periodo di caccia a certe specie di uccelli, tra le quali alcune in pericolo di estinzione, dà la misura di come la crisi ambientale sia affrontata da alcuni soggetti che ricoprono cariche istituzionali. Dopo l’assessore regionale Remaschi che, invece di difendere l’interesse generale in tema di tutela della fauna, patrimonio indisponibile dello Stato, aveva emanato un atto “contra legem” oggi censurato dal Consiglio di Stato, adesso anche il sindaco Spinelli sposa con disinvoltura un interesse di parte, quello dei soli cacciatori, cercando di ammantare il suo posizionamento come difesa di un diritto inalienabile.

Spinelli agisce dichiaratamente in nome e per conto del mondo venatorio, “calpestato” a suo dire ingiustamente nel dover rinunciare a quindici giorni di caccia. Vale la pena qui ricordare al Sindaco che stiamo parlando di un diritto assai particolare, che lo Stato regola non a caso per CONCESSIONE. I cacciatori, in altri termini, “possono” prelevare privatamente dei beni pubblici, così come avviene per le derivazioni d’acqua o per l’estrazione d’inerti da una cava. Dato che si tratta di diritti legittimi nei limiti della concessione prevista dalla legge, ma certamente privati, è giusto che siano i portatori degli interessi particolari a difenderli, se lo ritengono opportuno. Quel che certamente è inopportuno è che a ergersi a loro avvocato difensore, in una causa già persa, sia un Sindaco, titolare supremo dell’interesse generale di un territorio e di tutta una comunità.

Ma il Sindaco di Fucecchio si è spinto anche oltre. Ha richiesto un periodo di caccia più lungo nella ZPS, cioè in un territorio che in base alla legge dovrebbe avere una protezione della natura maggiore rispetto al restante territorio. Anche qui, vorremmo ricordare a Spinelli che l’acronimo ZPS significa Zona di Protezione Speciale, non Zona Per Sparare!

Ora, un amministratore che ha dimostrato tanta parzialità, attualmente presiede il Tavolo di confronto sul Sistema delle Riserve naturali del Padule di Fucecchio e del Lago di Sibolla, composto da enti pubblici, associazioni agricole, venatorie, dei proprietari e ambientaliste e istituito dalla Giunta Regionale per tutelare più efficacemente la biodiversità di questo territorio unico in Italia.

Per concludere, ci sarà quindi permesso di palesare più di un dubbio sull’opportunità di mantenere alla carica di Presidente di detto Tavolo una figura istituzionale tanto schierata. Un Presidente di un organo così trasversale dovrebbe, infatti, tenere in massima considerazione la tutela delle posizioni e delle sensibilità di ogni sua componente. Quel che si dice una figura di garanzia.

 

Ufficio Stampa di Legambiente Toscana

Tel. 055.6810330  -  ufficiostampa@legambientetoscana.it